Giorgio Odero - Foto

Giorgio Odero

Pinot Nero dell’Oltrepò Pavese DOC

Vitigno:
pinot nero

Zona di produzione:
sulle prime colline di Casteggio, in un singolo vigneto adiacente all’azienda.

Suolo:
argilloso-calcareo con pH basico

Esposizione del vigneto:
nord-ovest e nord-est

Altitudine del vigneto:
160 m s.l.m.

Sistema di allevamento:
Guyot semplice

Età media delle viti in produzione:
25 anni

Numero di ceppi per ettaro:
5.000

Resa di uva per ceppo:
< 1 Kg

Vendemmia:
uve ottenute dalla sola parte centrale della storica Vigna del Pino. Dopo un leggero diradamento effettuato a metà luglio, abbiamo effettuato un’ulteriore selezione appena prima della raccolta. Vendemmia manuale in cassette da 15 kg con scelta meticolosa dei migliori grappoli.

Vinificazione:
diraspapigiatura soffice e successiva fermentazione spontanea con lieviti autoctoni in vasche di acciaio inox a temperatura controllata inferiore ai 26 °C. Macerazione di 16 giorni. Durante la macerazione si effettuano rimontaggi o follature in base alla cinetica fermentativa. Fermentazione malolattica spontanea durante l’autunno successivo alla vendemmia in botti piccole usate.

Affinamento:
12 mesi in botti da 25 hl. Prima dell’imbottigliamento, 6 mesi di affinamento in vasche di acciaio inox. Dopo la messa in bottiglia, almeno 12 mesi di ulteriore affinamento prima della commercializzazione.

Vista:
colore rosso rubino brillante con riflessi granata.

Olfatto:
intenso, con note di spezie, piccoli frutti di sottobosco maturi e una tipica nota balsamica fresca (pino mugo, salvia e cisto). Chiusura aromatica con un netto sentore di arancia amara.

Gusto:
fruttato, armonico, fragrante e molto tipico. Elegante e balsamico, con un’acidità che gli fornisce grandi potenzialità di invecchiamento.

Attitudine all’invecchiamento:
oltre i 20 anni.

Annata:
2015

Data della vendemmia:
5 settembre 2015

Data di imbottigliamento:
28 febbraio 2018

Produzione dell’annata 2015:
6.345 bottiglie (0,75 l). Disponibile anche in formato magnum (119 bottiglie) e jéroboam (20 bottiglie).

Note sulla vendemmia 2015:
annata calda e asciutta. Qualche caso di siccità, ma i suoli argillosi hanno conservato riserve idriche e mantenuto una buona idratazione che ha consentito ottime maturazioni.

Dati analitici:
– alcol: 14,29% vol
– acidità totale: 5 g/l
– zuccheri residui: < 0,5 g/l
– solforosa totale: 85 mg/l
– estratto secco: 29 g/l

Prima annata prodotta:
1989

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2015)
annata calda e asciutta. Qualche caso di siccità, ma i suoli argillosi hanno conservato riserve idriche e mantenuto una buona idratazione che ha consentito ottime maturazioni.

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2014)
Annata caratterizzata da una buona partenza vegetativa ad aprile e maggio, seguita però da un’inconsueta piovosità nei mesi di giugno e luglio.
In luglio, in particolare, vi sono stati 24 giorni con presenza di precipitazioni. Questo ha comportato diradamenti anche del 40% per portare alla maturazione ottimale le uve. Prima della vendemmia sono stati effettuati tre passaggi in vigna per ulteriori pulizie e selezioni dei grappoli migliori. Un’annata, quindi, molto complessa dal punto di vista viticolo, ma molto interessante da quello enologico, perché il potenziale aromatico del pinot nero csi è espresso appieno in assenza quasi totale di tannini.

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2013)
Una grande annata classica, con un’estate temperata e bilancio idrico nella norma. Una riduzione delle temperature ad agosto ha portato a un rallentamento della maturazione con conseguenti maturazioni aromatiche eccezionali.

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2012)
Annata calda e asciutta in modo ideale. Maturazione piuttosto precoce con una fase di particolare accelerazione in agosto; chiusura dell’annata ideale con uve di grande equilibrio.

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2011)
Dopo un avvio di stagione piovoso e difficile, l’annata ha goduto di un clima caldo e asciutto dal mese di maggio. L’estate molto secca ha orientato poi l’annata verso una vendemmia serena e ben pianificabile, con buoni equilibri di maturazione.

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2009)
Annata iniziata regolarmente con un buon germogliamento e temperature nella norma. Un maggio fresco con piogge regolari ha garantito una buona riserva idrica per i mesi estivi. Giugno caldo e afoso con alcuni picchi di temperature elevate. Luglio abbastanza asciutto e agosto sulla falsariga del mese precedente, ma con un numero significativo di temporali serali, anche di notevole intensità. Prima della vendemmia è stata necessaria una cernita delle uve migliori per alcuni danni da grandine subiti nel periodo precedente. I vini ottenuti sono stati caratterizzati sin da subito da un notevole frutto e da una vena tannica più intensa del consueto.

Scheda tecnica (Giorgio Odero 2005)
Una bella annata con una primavera fresca e un maggio umido. Dopo alcuni giorni caldi tra la fine di giugno e l’inizio di luglio, l’annata si è chiusa con una vendemmia asciutta caratterizzata da escursioni termiche ottimali tra notte e dì. Un’annata di grande longevità.

Viniplus AIS Lombardia 2019: Quattro Rose Camune (annata 2015)

Gambero Rosso 2018: Due Bicchieri Rossi (annata 2014)

Slow Wine 2018: Vino Slow (annata 2014)

L’Espresso 2018: I cento vini da riassaggiare (annata 2010)

Vitae 2018: Quattro Viti (annata 2014)

Viniplus AIS Lombardia 2018: Rosa d’Oro (annata 2014)

Viniplus AIS Lombardia 2018: Quattro Rose Camune (annata 2014)